Dislessia: dalla Valutazione al Percorso

Per noi infatti è fondamentale comprendere la difficoltà del bambino in relazione ai contesti in cui apprende (scuola, casa) per poter costruire un autentico percorso personalizzato.

La valutazione degli apprendimenti offre sicuramente delle informazioni utilissime, ma è ancora più importante capire come il bambino vive l’apprendimento scolastico, quali sono le sue risorse (magari non viste o sottovalutate), la sua motivazione e come genitori e insegnanti si pongono nei suoi confronti.

La difficoltà non è del o nel bambino, ma del contesto in cui lui vive e impara. Il compito principale quindi di un servizio che si occupa di dfficoltà scolastiche è proprio quello di comprendere a fondo la situazione per sperimentare strategie di miglioramento che coinvolgano tutti i soggetti implicati: bambino, famiglia, scuola.

Pertanto le fasi del percorso di valutazione nel nostro centro educativo sono le seguenti:

  • primo colloquio con i genitori, che sono invitati a portare copia di eventuali valutazioni precedenti, l’ultima pagella, i quaderni che sembrano utili per capire come il bambino va a scuola. Le informazioni raccolte nel colloquio servono all’équipe per discutere e condividere le modalità di valutazione da proporre alla famiglia e al bambino,
  • l’équipe esamina i risultati del percorso di valutazione e elabora il percorso educativo e didattico personalizzato;
  • primo incontro con il bambino, durante il quale l’educatore che lo segue condivide e spiega cosa faranno insieme e esplora sia il punto di vista del bambino sul suo andamento scolastico, sia le strategie di apprendimento e di studio fino a quel momento utilizzate. Questo passaggio permette di agganciare in modo coerente il percorso al vissuto, alle risorse e ai bisogni del bambino.
  • colloquio con le insegnanti e con i terapisti, concordato con la famiglia e il bambino, per raccogliere ulteriori informazioni e suggerire strategie educative e didattiche di promozione e supporto dell’apprendimento del bambino;

L’ approccio  è basato sulla chiarezza metodologica dell’intervento, sulla flessibilità e sull’ascolto attento di chi si rivolge.

 

 

 

 

Un momento di studio assistito in una delle nostre aule attrezzate per l'affiancamento di bambini e ragazzi nello svolgimento dei compiti.