CON LE SCUOLE: SCREENING

L’attività di screening precoce (cioè nell’ultimo anno di scuola dell’infanzia, in prima e in seconda primaria) permette di individuare i primi segnali di eventuali future difficoltà di apprendimento della letto-scrittura e del calcolo.
Se il progetto di screening è fortemente condiviso con gli insegnanti, è possibile non solo fornire strumenti e chiavi di lettura per individuare i bambini in difficoltà, ma anche creare insieme agli esperti dell’ èquipe psico-pedagogica interventi educativi e didattici mirati da realizzare in classe, con la supervisione e consulenza degli esperti.
Questa operazione permette di distinguere le diverse problematiche alla base delle difficoltà di apprendimento, di evitare invii eccessivi o poco motivati ai Servizi Sanitari o valutazioni e interventi tardivi, quando ormai la difficoltà si è radicata e diventa più difficile da affrontare.
Lo screening diventa anche un’occasione di formazione sul campo per i docenti e di conoscenza più approfondita dei profili e delle modalità di apprendimento dei loro alunni.

 

CON LE SCUOLE: FORMAZIONE

L' èquipe psicopedagogica di CRESCERE INSIEME, su richiesta delle scuole e attraverso attività di analisi dei bisogni formativi, organizza:

  • incontri informativi per genitori ed insegnanti;
  • formazione per gli insegnanti rispetto a: indicazioni per il riconoscimento precoce di difficoltà e DSA, strategie educative nella relazione con il bambino in difficoltà e nella gestione della classe, metodologie pedagogiche e didattiche mirate su difficoltà, DDAI e DSA, metodologie di valutazione scolastica per bambini e ragazzi con difficoltà e disturbi dell’apprendimento.

 

CON LE SCUOLE: CONSULENZA

CRESCERE INSIEME offre servizi di consulenza rispetto a:

  • strategie educative nella relazione con il bambino in difficoltà e nella gestione della classe;
  • metodologie pedagogiche e didattiche mirate su difficoltà, DSA e DDAI;
  • metodologie di valutazione scolastica per bambini e ragazzi con difficoltà o disturbi dell’apprendimento;
  • sportello pedagogico di consulenza su singoli casi;
  • sportello psicologico per problemi emotivi e relazionali riguardanti gli alunni, il rapporto tra alunni ed insegnanti, il rapporto tra insegnanti e genitori.

 

 

CON LE SCUOLE E GLI ASILI NIDO: PROGETTI DI PET THERAPY

“Pet-therapy”  é un termine anglosassone adottato in Italia e negli altri paesi,  per indicare le attività  e le terapie svolte con l’ausilio dell’animale domestico. L’animale diviene strumento pedagogico, che favorisce l’apprendimento e migliora i rapporti interpersonali.

Tipi di intervento:

Educazione Assistita dall’Animale, interventi di tipo ricreativo, educativo, con lo scopo di migliorare  le capacità cognitive di bambini ed adolescenti, con interventi che hanno obiettivi specifici predefiniti: acquisire nozioni sulle caratteristiche e le necessità dei vari animali. Aiutare la stimolazione della memoria, l’ampliamento delle conoscenze, ed il controllo dell’aggressività. Apprendere il valore della cooperazione tra individui, dell’altruismo e della divisione dei ruoli.

Attività Assistite dall’Animale, interventi di tipo ricreativo educativo, terapeutico, finalizzati  a  favorire il miglioramento delle funzioni fisiche, sociali ed emotive.